Riforma della Politica comune agricola. La Uimec Trapani lancia l'allarme - A rischio il 50 % delle piccole imprese agricole

Oltre il 50 per cento delle piccole imprese agricole operanti in provincia di Trapani rischia di essere espulsa da questo settore produttivo poichè non potrà accedere ai fondi Pac (Politica agricola comune) non avendo lo status di "agricoltore attivo" derivante dall'iscrizione all'Inps. A lanciare l'allarme è il presidente Uimec Trapani Giuseppe Aleo.

"Questa situazione – spiega Aleo – è frutto della riforma Pac. I nostri politici dovrebbero avere una migliore conoscenza della materia per non incorrere in errori che penalizzano i nostri lavoratori. Proprio ieri si è svolta a Roma una riunione tra il ministro delle Politiche agricole Martina e gli assessori regionali all’Agricoltura in merito all’attuazione della Politica agricola comune, i cui termini per presentare le posizioni dell’Italia sulla riforma a Bruxelles scadranno il 31 luglio. Il risultato a cui si è giunti al momento è disastroso, non tiene conto delle reali esigenze di chi vive di agricoltura, seppur facendo affidamento su una piccola impresa. In Italia le imprese che rischiano sono circa un milione, in Sicilia 10 mila".
La Uimec Trapani, pertanto, parteciperà alla contestazione nazionale organizzata da Uimec – Copagri che si terrà il prossimo 12 giugno davanti gli uffici dell'Agea di Roma.

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information