Stipendi arretrati fino a 8 mesi per i lavoratori delle cooperative di accoglienza dei migranti - Lunedì sit in Filcams Cgil, UilTucs, Confintesa e Ugl davanti la prefettura

I lavoratori dell’hot spot di Trapani e dei centri di accoglienza per immigrati che operano sul territorio provinciale lunedì prossimo, 21 novembre, parteciperanno a partire dalle 9.30 a un sit in di protesta organizzato da Filcams Cgil, UilTucs, Confintesa e Ugl Trapani per manifestare contro i ritardi sugli stipendi al personale che in alcuni casi arrivano anche fino a 8 mesi.

Tali ritardi sono conseguenza di altri ritardi, quelli con cui il Ministero degli Interni trasferisce le somme da liquidare agli enti di assistenza.

“Abbiamo incontrato ieri il prefetto di Trapani Priolo – affermano i segretari generali di Filcams Cgil, UilTucs, Ugl e Confintesa Anselmo Gandolfo, Mario D’Angelo, Franco Fasola e Giuseppe Monaco – il quale ci ha assicurato che saranno pagate le somme per saldare gli stipendi dei mesi di marzo, e per dare il 70 per cento di  anticipo su quelli di aprile, maggio e giugno. Pur apprezzando l’impegno del Prefetto, riteniamo che questo non sia sufficiente a far fronte alle necessità di questi lavoratori, che svolgono un mestiere davvero importante per questo territorio dove ogni settimana sbarcano centinaia di immigrati”. 

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information