Peschereccio mazarese sequestrato. Macaddino (Uila Pesca) “Serve fare chiarezza e proteggere i nostri pescatori”

“Esprimiamo la nostra solidarietà e vicinanza ai lavoratori imbarcati sul motopesca ‘Ghibli Primo’, impegnato in operazioni di pesca al largo delle coste libiche, che è stato fermato da una motovedetta con uomini armati a bordo e condotto nel porto di Ras al Helal, ad ovest di Dema. La nostra preoccupazione nasce dal fatto che tale porto si trova in una zona calda dove si susseguono combattimenti fra miliziani di diversi fronti e l'allerta terroristica è alta”. Così il segretario nazionale della Uilapesca Tommaso Macaddino commenta la notizia giunta questa mattina.

“Nella attuale e drammatica situazione che vede le forze navali italiane e di altri paesi impegnate a fronteggiare l’emergenza umanitaria di migliaia di profughi in fuga dalle coste libiche” prosegue Macaddino “non è accettabile che si verifichino nel Mediterraneo azioni militari come quella che ha coinvolti i pescatori imbarcati sul Ghibli Primo. Occorre fare chiarezza sui limiti delle zone di pesca ma, soprattutto, occorre proteggere i lavoratori da azioni condotte arbitrariamente da militari armati, la cui legittimità ad agire è incerta”.

“Non possiamo e non vogliamo più consentire che i nostri lavoratori del mare, nel dover svolgere un lavoro che è già di per sé pericoloso, rischino la propria vita” conclude Macaddino “mettendo a repentaglio la serenità delle proprie famiglie”.

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information