Piano rifiuti Srr Trapani. La Uil Trasporti preoccupata per il mantenimento della forza lavoro

La Uil Trasporti Trapani esprime le proprie perplessità sul mantenimento dell’attuale forza lavoro nei cantieri della Energetica Ambiente in relazione al piano rifiuti della Srr Trapani.

“A seguito di approfondite valutazioni e di innumerevoli confronti con la Srr presieduta dal consiglio di amministrazione con l’attenta  visione del commissario Gaspare Noto – afferma Giorgio Macaddino della UilT Trapani - nonché di diverse sedute presso la Prefettura di Trapani, devo esprimere numerose  perplessità circa una probabile insicurezza del mantenimento della forza lavoro che in atto presta la propria opera presso i cantieri della Energetica Ambiente che si occupa della gestione dei rifiuti”.

In pratica, pur essendo gli atti di gara in fase di istruttoria presso l’Urega, l’Ufficio regionale per l'espletamento di gare per l'appalto di lavori pubblici, che presto potrebbe pubblicare il bando della nuova gara per il servizio di igiene ambientale per i prossimi 7 anni, la Uil Trasporti pone alcuni interrogativi sulla riuscita di una regolare raccolta differenziata dei rifiuti con un servizio adeguato alle caratteristiche dei vari territori nonché sulla sicurezza del mantenimento dei livelli occupazionali.

“Come può il comune di Custonaci – afferma Macaddino - prevedere un piano di intervento ove prevede già a priori la metà del personale in atto impegnato? Personale fra l’altro fuoriuscito dal bacino degli Lsu. Come può il comune di Alcamo prevedere un taglio di circa un milione e 400 mila euro, nonostante una rivisitazione a seguito di serrati confronti abbia adeguato il piano, resta comunque un sensibile decremento delle risorse che a parere nostro sarà un boomerang. Come può Calatafimi Segesta nonostante le rassicurazioni dell’amministrazione inoltrare un piano che ha le stesse criticità? Nonostante il sindaco abbia assicurato che al momento dell’aggiudicazione e prima della sottoscrizione del contratto di servizio ripristinerà il tutto? Come possono in definitiva i rimanenti comuni assicurare che sono pronti ad intervenire subito dopo l’aggiudicazione perché trattasi di un bando e di un contratto che permette di modificare in corso d opera per noi certi errori ed anche gravi di progettazione?” 

In seguito a queste ed ad altre considerazioni ancora che la Uil Trasporti ha esposto alla Srr “pur avendo registrato una rispondenza da parte della Srr con il suo presidente e commissario e la disponibilità dei sindaci – conclude Macaddino - permangono le nostre perplessità ed in funzione di ciò valuteremo di perseguire tutte le vie e soluzioni per far valere le ragioni dei cittadini e dei lavoratori. Ci accingiamo a conferire mandato al nostro ufficio legale per valutare anche opposizioni”.

 In allegato la lettera alle autorità competenti in materia

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information