Bilanci e sfide - Uil Scuola: che accade ora dopo l'accordo di Natale - Turi: un accordo che deve guardare al futuro

Ora che il primo passo è fatto, attenzione ai teorici delle scelte sbagliate etero dirette dall'alto, ai novelli economisti e ai neo liberisti che sul sistema scuola hanno pensato che si potevano risparmiare  fino a 17 miliardi di euro. Sottrarre soldi alla scuola italiana equivale a finire dopo la Bulgaria.

 

Mentre l’accordo politico con il ministro Fedeli è ancora fresco di inchiostro, ecco riapparire  i sostenitori della prima ora della cosiddetta ‘buona scuola’.

Sono quelli che teorizzavano la ‘chiamata diretta’ con la pretesa di  costituire  collegi dei docenti accondiscendenti e comunque da gestire con metodi  poco democratici (teorizzati quelli ispirati ai metodi  dei  marines americani del Dont’ ask, dont’tell )  e dei novelli economisti che pensano di aver trovato la ricetta per risanare finanziariamente il Paese, in nome di una non meglio precisata libertà educativa.

I primi, attaccano l’accordo perché consegnerebbe la scuola statale nelle mani dei docenti, i secondi vedono nei costi standard una misura salvifica anche per le malmesse casse dello Stato, sulla falsariga del  modello sanitario nazionale (misura più invocata che attuata), per un mal celato desiderio di sempre maggiori risorse al sistema delle scuole private.

Entrambi i fronti di attacco utilizzano, a nostro avviso,  strumentalmente  l’interesse degli alunni e delle famiglie, arrivando a teorizzare un autentico conflitto  con quello dei docenti statali.

Insomma una scuola fatta di procedure burocratiche e con il  pericolo concreto di indottrinamento, senza dire che sottrarre 17 miliardi (questo il risparmio stimato) al sistema scolastico italiano equivarrebbe ad entrare nel novero dei  paesi sottosviluppati, visto che già oggi tra i paesi  dell’OCSE siamo ultimi insieme alla Bulgaria per spesa di istruzione.

Ancora una volta si considera l’istruzione un costo e non un investimento.

Se queste sono le critiche, vuole dire che siamo proprio sulla buona strada!

Molto realisticamente, siamo in presenza di un primo buon accordo che, senza voler restaurare nulla, mette in pratica, finalmente, un dialogo tra le parti aperto al confronto.

Questo  non può essere influenzato dagli egoismi corporativi di chi vorrebbe  mettere in discussione il ruolo che la stessa scuola statale svolge.

I novelli liberisti   ignorano il contributo che questa ha dato al Paese sia in termini economici che sociali, attuando i dettami della Costituzione, che ne riconosce il profilo e ne eleva il livello sino a inserirlo nei compiti fondamentali dello Stato.

Del resto,  il grado di apprezzamento  del sistema scolastico italiano e dei suoi addetti (dirigenti scolastici, docenti e personale ATA) è una costante di ogni studio e/o sondaggio che in questi anni è stato fatto da autorevoli istituti indipendenti.

Ma la conferma giunge  dal fatto che oltre il 93% degli studenti frequenta le scuole statali.

Il disegno riformista insito nella legge 107/2015, è  sembrato più  il pretesto da parte di alcuni settori ben identificati  di utilizzare l’esigenza di modernizzare il sistema scolastico, che è anche un nostro obiettivo, per realizzare, invece,  un processo di restaurazione vero e proprio.  Un progetto teso alla burocratizzazione del sistema che ci porterebbe non solo indietro nel tempo, ma ci esporrebbe in maniera esponenziale al rischio di realizzare  quello sciagurato  disegno di privatizzazione vera dell’istruzione.

Quello che ci preme qui riaffermare è che la Costituzione rimane un punto fermo e da questa bisogna partire,  impensabile tornare indietro, occorre guardare avanti!

In questa azione vanno riaffermati i principi fondanti che sono rappresentati  dalla libertà di insegnamento e di apprendimento, in un sistema scolastico che non può e non deve scendere sul terreno del mercato alla stregua di un qualsiasi servizio a domanda individualizzata. Deve invece rimanere la sua vocazione originaria, quella  voluta dai padri Costituenti: quella di funzione dello Stato  che non può essere governata dalle regole del libero mercato, che può e deve convivere con l’offerta privata, a condizione che non determini oneri per lo Stato.

Appare sterile, oltre che anti storico,  tentare di contrabbandare come posizioni neo riformiste le vecchie e sempre più inattuali visioni di quel modello di scuola duale bocciato dalla Costituzione e dal Paese reale.

In conclusione, l’accordo tra sindacati e Governo, ci mette, ulteriormente,  al riparo da questi pericoli per il semplice fatto che la filosofia che lo sostiene è chiara: fare funzionare sempre meglio il sistema scolastico italiano che ha dimostrato di saper competere con gli altri sistemi e, affidarsi ai docenti liberi da condizionamenti e motivati, ne è l’antidoto migliore per fermare derive regressive. 

Certo, una valutazione finale si impone:  sarebbe più produttivo,  dopo aver colto il volere dei lavoratori della scuola e dei cittadini di questo Paese, lavorare sulla continuità di questi valori,  perfezionando e migliorando il modello di scuola pubblica statale in essere.

Tutto il resto determina solo conflitti dannosi e sprechi di tempo. 

Di questo è bene prendano atto i soliti noti.

 

Pino Turi

Segretario generale

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information