Ipab di Alcamo: da 10 mesi lavoratori senza stipendio, ma i sindacati annunciano che il Comune si è impegnato per risolvere drammatica situazione

“Da dieci mesi non percepiscono lo stipendio, ma a breve la loro drammatica situazione sarà sanata”. Ad annunciare la svolta per le 32 lavoratrici e i lavoratori dell'Ipab Opere Pie Riunite “Pastore e San Pietro” di Alcamo sono la Funzione pubblica Cgil, la Fp Cisl e la Fpl Uil.

Dopo un incontro con il sindaco di Alcamo è, infatti, emerso l'impegno dell'amministrazione comunale di dare risposte ai lavoratori attraverso nuove progettualità volte a sanare la grave situazione dell'Opera Pia.

“Esprimiamo soddisfazione – dicono i segretari della Fp Cgil Vincenzo Milazzo, della Fp Cisl Marco Corrao e della Fpl Uil Giorgio Macaddino – per l'interesse e la disponibilità mostrata dal sindaco e dall'assessore al ramo nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori dell'Ipab alcamese. L'amministrazione comunale si è già attivata nominando un componente che farà parte del nuovo Cda dell'Ipab. Auspichiamo - concludono - che anche le altre Istituzioni, titolate alla nomina dei componenti come l'Asp, la Prefettura, la Diocesi di Trapani e l'Assessorato regionale alla famiglia, possano nominare in tempi brevi i nuovi consiglieri così da evitare la gestione commissariale”.

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information