La Uil Trapani contro la riduzione delle ore di assistenza igienico-personale ai disabili nelle scuole

A partire dal prossimo mese di marzo verranno ridotte le ore di assistenza igienico-personale agli studenti disabili che frequentano le scuole della provincia di Trapani con gravi conseguenze per un servizio essenziale alla persona. A denunciarlo è il segretario generale della Uil Fpl Trapani Giorgio Macaddino.

“Una delibera del Libero Consorzio Comunale di Trapani – spiega il sindacalista – tronca le ore di servizio da 24 a 16 per gli operatori impiegati in circa venti scuole trapanesi per assistere circa novanta giovani con disabilità che frequentano gli istituti scolastici provinciali. In pratica, degli operatori in servizio, venti  continueranno a svolgere 24 ore di servizio settimanali, i restanti diciotto lavoreranno solo per 16 ore”.

Macaddino, dunque, fa appello al commissario dell’ex Provincia Regionale Giuseppe Amato: “Invito il commissario ad adottare atti per impedire la riduzione di un servizio pubblico tanto importante, la cui assenza pregiudicherebbe la presenza degli studenti disabili nelle stesse scuole”.

Il segretario generale Uil Fpl Trapani conclude affermando che: “Non si può fare riduzione della spesa pubblica gravando sulle spalle dei cittadini, soprattutto di quelli più deboli. La Uil da sempre sostiene che è fondamentale fornire a chi è in difficoltà, e in questo specifico caso a chi è portatore di disabilità, tutti gli strumenti che consentano l’integrazione piena nella società per una vita dignitosa”

Share

Informazioni aggiuntive

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information