Nell’ultimo anno 27 % di voucher-lavoro in più nel Trapanese. Tumbarello (Uil): “Ultima frontiera precariato. Proposta di accordo nazionale su nuova normativa”

Nell’ultimo anno il numero dei voucher, i cosiddetti “buoni lavoro”, venduti in provincia di Trapani è cresciuto del 27 per cento. Secondo uno studio realizzato dal Dipartimento politiche del lavoro della Uil nazionale, su dati Inps, nel 2015 i voucher venduti nel Trapanese sono stati 259.510, mentre nel 2016 sono stati 358.377.

“A partire dal 2008 – spiega il segretario generale della Uil Trapani Eugenio Tumbarello – i voucher, nati per retribuire prestazioni lavorative brevi, saltuarie, accessorie per le quali spesso si ricorreva ai pagamenti in nero, hanno subito numerose modifiche legislative che ne hanno ampliato sempre più il campo di applicazione, sino a farlo diventare strumento utilizzabile per qualsiasi status occupazionale e produttivo”.

Le conseguenze di un uso smodato dei ticket-lavoro è di facile intuizione: “Seppure l’applicazione dello strumento sia legittima – aggiunge -, non ha fatto altro che aumentare il lavoro precario. Sempre più spesso, infatti, il lavoro retribuito tramite voucher si sostituisce a un contratto di lavoro subordinato”.

Alcuni primi passi a livello nazionale sono stati compiuti per limitare l’uso eccessivo dei voucher, come la tracciabilità introdotta con dlgs 185/2016, ma questo non basta.

“La Uil – spiega il segretario generale – sostiene che bisogna riportare i voucher alla loro funzione originaria, quindi solo per lavori occasionali accessori, considerato che esistono già specifiche formule contrattuali per il lavoro a tempo determinato e intermittente. I voucher, comunque, non possono essere aboliti del tutto per evitare che i lavori occasionali ripiombino nel “nero”. Vogliamo pertanto puntare su un accordo con il Governo, con una proposta che limiti l’utilizzo del lavoro occasionale e accessorio per un massimo di 2 giornate consecutive, con un tetto annuo di compenso di 4.980 euro per il prestatore (al posto degli attuali 7 mila) ed un nuovo limite economico per il committente (1.200 euro l’anno). Ricorrere al referendum sarebbe rischioso sia che si perda poiché saremo costretti a tenerci l’attuale regime, sia che si vinca perché la totale abolizione lascerebbe senza un minimo di tutele i lavoratori occasionali”.

Share

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie. To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information